IL SANNIO QUOTIDIANO

AUGURI PER IL CENTODUESIMO COMPLEANNO



Oggi primo Febbraio del 2000 i Castelvetresi di oltre quarant'anni dovrebbero ricordarsi di chi li ha aiutati a venire al mondo e che proprio in questo giorno festeggia il suo centoduesimo compleanno. La signora Rosina Cirelli, infatti Ŕ nata a Cerce Maggiore il primo Febbraio del 1898 e ha operato come ostetrica comunale in Castelvetere per un quarantennio. A lei, che gode ancora ottima salute, giungano da queste colonne gli auguri di tanti altri compleanni e la riconoscenza di quanti la ricordano per la sua grande professionalitÓ e l'eccezionale disponibilitÓ in tutte le ore del giorno e della notte.Vincitrice di concorso per il posto di ostetrica nel Comune di Castelvetere, ella il 21 Novembre del 1921 ha sposato in questo centro fortorino l'ebanista Angelo Civetta, da cui ha avuto due figli, di cui Ŕ ancora vivente il secondogenito Lucio, che da tanti anni risiede a Napoli e da cui abbiamo appreso della luciditÓ mentale, con la quale la signora Rosina vive la sua invidiabile etÓ di 102 anni e della gioia, con cui ha letto personalmente la targa, che il Sindaco di Castelvetere le ha fatto pervenire tramite il figlio. Su queste pagine il 28 Giugno 1998 avevamo riferito come, solo per caso, ci eravamo imbattuti in questa, che Ŕ la prima cittadina di Castelvetere che abbia raggiunto e superato la soglia del secolo di vita, durante una ricerca sulla genealogia delle famiglie di questo paese, per scuotere gli amministratori e richiamarli ai loro doveri sociali nei confronti di una centenaria, che, per di pi¨, Ŕ stata per un quarantennio dipendente dell'ente locale. Quell'appello rimase lettera morta presso i passati amministratori, che non prendevano in considerazione nulla che non potesse restituire un qualche vantaggio economico, ma non ha scosso pi¨ di tanto neppure gli attuali amministratori, ugualmente refrattari a tutto quanto sappia anche lontanamente di ricerca, di cultura, di sociale, i quali si sono limitati all'acquisto di una targa, consegnata alla chetichella al figlio Lucio, che si Ŕ mostrato stupito del pressappochismo con il quale Ŕ stata organizzata la consegna della targa, di cui non Ŕ fatto alcun cenno in atti deliberativi del Comune.
Se dagli amministratori non giungerÓ alla signora Rosina Cirelli neppure un mazzo di fiori, portino a lei un po' di gioia gli auguri cordiali, che i Castelvetresi che si ricordano le fanno arrivare da queste colonne.


Castelvetere, 31-01-2000

Per informazioni ci si puo' rivolgere all'Autore per e-mail all'indirizzo: elio.bontempo@castelvetrese.it.

  Torna alla home page

Questa pagina Ŕ stata visitata
1264 volte
dall'8 settembre 2005.