LE STIGMATE

Era il venti Settembre del diciotto,
quando nel consueto mistico accento
della preghiera del ringraziamento
da un raggio da Mano Divin condotto

fu colpito, trafitto e messo sotto.
Gracil fisico non resse al portento,
sì ch’ogni umano senso fu spento
e in terra infin si trovò ridotto.

Il Divino raggio aveva ferito
come una spada dal filo tagliente
i piedi, le mani ed il costato,

e, quando tornò spirito smarrito,
si trovò col corpo tutto dolente
nell’abbondante Suo sangue versato.

Per informazioni ci si puo' rivolgere all'Autore per e-mail all'indirizzo: elio.bontempo@castelvetrese.it.

 

Questa pagina è stata visitata
205 volte

Torna a LE STIGMATE
Torna a PADRE PIO DA PIETRELCINA - QUADRETTI DI VITA
Torna alla home page