PRESENTAZIONE

Dopo i fiumi di parole che sono state scritte e dette su Padre Pio, arriva una originale ed inattesa raccolta di sonetti di Elio Bontempo.
Inattesa come una conversione! Quella dell’Autore che, toccato dall’entusiasmo collettivo, si avvicina al “fenomeno” con il distacco e la curiosità dello scettico e si ritrova ad essere il “cantore” di un Beato. Nella sofferenza, nel martirio e nella rassegnazione con cui Padre Pio ha sopportato ogni vessazione, l’Autore trova la risposta all’assurda teoria della “Provvida sventura” che risolve il dramma della sua cecità fisica e gli prospetta una strada illuminata dalla “Vera Luce”.
Come in un canto popolare Elio Bontempo espone la vita di Padre Pio sul filo della sofferenza che l’ha contraddistinta ed attraverso la quale Egli addita la via della salvezza. E’ un riassunto in versi di tutto quanto è stato scritto ed è stato detto, come un promemoria, un vademecum che ciascuno può tenere a portata di mano per rileggere, per ricordare, per interiorizzare, per meditare, per sentire viva la presenza del Beato nel proprio vissuto.
Ogni sonetto è un quadretto di narrato che, proprio in virtù della sintesi, capta il nucleo delle tematiche ed offre stimolo alla meditazione, coinvolgendo il lettore in una funzione interattiva più penetrante che qualsiasi altra lettura. La dinamica dei fatti si dipana attraverso una rigorosa cronologia della vita del Frate, come dai fotogrammi di un film, veloce, consequenziale, viva e toccante. Il linguaggio dei versi, più vicino ai tempi rappresentativi-descrittivi, potenziato dall’espressione grafica di Gabriella D’Aiuto, una pittrice, capace di astrazione e di compiutezza di significati, che con le sue tavole ha ribadito in pienezza i valori e i sentimenti di alcuni sonetti.
La sintesi e la rima, che in un primo momento potrebbero sembrare difficoltose alla comprensione di chi ignora i fatti narrati o non conosce le regole della constructio verborum, si rivelano, poi, come stimolo ed incentivo ad approfondire e, di conseguenza, diventano occasione comunicativa di vantaggio. Ogni sonetto è un aneddoto disincantato, vero, senza forzature ideologiche o fantastiche, senza pretese letterarie, una tessera della quotidianità di un Uomo che su un tracciato di semplice umanità ha tessuto la trama impalpabile della santità. Nel titolo di ogni sonetto si trova la chiave di lettura, il bandolo del teorema etico-religioso in cui si muovono gli episodi di una vita ispirata ai Valori umani nella dimensione della sofferenza accettata ed offerta per Amore.

ESTERINA BASILONE

Per informazioni ci si puo' rivolgere all'Autore per e-mail all'indirizzo: elio.bontempo@castelvetrese.it.

 

Questa pagina è stata visitata
926 volte

  Torna alla home page
Prefazione,Presentazione,
Il periodo prima del noviziato,
Il periodo del noviziato,
Il periodo sacerdotale a Pietrelcina,
Amor per Pietrelcina,
Padre Pio soldato,
Il ritorno in convento,
Le stigmate.